Cosa vedere a Bologna in un giorno: itinerario completo

Una vista spettacolare dall'alto su tutta la città di Bologna. Tra i tanti edifici spiccano la cupola di una chiesa e soprattutto l'altissima torre degli asinelli. Sullo sfondo gli edifici moderni della città.

Cosa vedere a Bologna in un giorno: itinerario completo

Introduzione scritta insieme a letygoeson, cliccando qui potrai visitare il suo blog.

Spesso tralasciata dai turisti più distratti, Bologna è una città stupenda che fa innamorare tutti. E’ una città “a misura d’uomo” in quanto il centro è percorribile tranquillamente a piedi. Bologna, famosa per la sua tradizione gastronomica, è anche crocevia tra le altre città più grandi d’Italia, snodo ferroviario tra Nord e Sud nonché sede della più antica Università del mondo ancora in attività, l’Alma Mater Studiorum. Per via delle torri che un tempo caratterizzavano il suo skyline la si può definire la manhattan del medioevo. Oltre a questo Bologna è conosciuta anche per i suoi bellissimi portici che messi tutti insieme sono lunghi ben 40 chilometri. Bologna insomma è imperdibile! Posso dire con certezza che questa città è una destinazione da più volte nella vita. Sarai sicuramente affascinato dalla sua vitalità e dalla sua meravigliosa architettura. L’itinerario che ti propongo ti permetterà di goderti Bologna con tranquillità e sicuramente di non mancare nessuna delle sue bellissime attrazioni.

NB: l’itinerario che ti propongo l’ho creato appositamente per visitare Bologna a piedi partendo dalla stazione Bologna Centrale. Se visiterai la città arrivando in auto ti consiglio di parcheggiare il più vicino possibile al centro città e chiaramente di gestirti le visite in base a dove hai parcheggiato. In fondo comunque ti lascio una serie di parcheggi validi dove lasciare la tua auto. Rimango a disposizione per qualsiasi altra informazione necessiti!

NON HAI LETTO ANCORA L’ARTICOLO SU COSA VEDERE A MODENA ??

COSA VEDERE A BOLOGNA IN UN GIORNO, ELENCO COMPLETO DELLE ATTRAZIONI

FINESTRELLA VIA PIELLA

Prima di addentrarti nel vero centro storico di Bologna è assolutamente d’obbligo soffermarsi in via a Porta Govese o Torresotto dei Piella. Qui potrai ammirare la famosa finestrella che vi farà sembrare di essere a Venezia con il suo scorcio sul canale delle Moline. Questo è uno dei pochi tratti d’acqua che tra i primi del Novecento e il dopoguerra non fu ricoperto d’asfalto e lo si può notare anche dal fatto che è rinchiuso tra le case. La finestrella di via Piella è sicuramente un “attrazione” imperdibile da vedere a Bologna se sei in città per un giorno.

Fermarsi ad ammirare la finestrella di via piella è una delle cose da vedere a bologna in un giorno. Qui vedi un bellissimo scorcio sul canale delle moline con accanto tantissimi edifici storici.

GHETTO EBRAICO

Dalla finestrella di via Piella passa per quello che è un quartiere pieno di storia e di significato, il Ghetto Ebraico. Questa zona è delimitata da tre vie: via Zamboni, via Oberdan e via Marsala. Bologna è sempre stata casa per gli ebrei fin dal XIV secolo. Questi si occupavano del commercio e soprattutto del traffico del denaro e si distinguevano da tutti gli altri abitanti per la loro intelligenza e la loro agiatezza. Poco dopo l’8 maggio del 1556 gli ebrei furono costretti ad essere confinati in un’area ben definita della città. Questa zona era molto diversa e tutt’ora oggi lo potrai notare: finestre molto piccole nelle abitazioni, spioncini per controllare chi si avvicinava, voltoni cavalcavia in cima agli edifici. L’antico ghetto oggi ospita il Museo ebraico di Bologna.

Se vuoi visitare il museo, l’ingresso è a pagamento e costa 7,00€ intero o 5.00€ ridotto. Per quanto riguarda l’orario, le visite sono possibili dal lunedì al giovedì dalle 10:00 alle 18:00, mentre il venerdì dalle 10:00 alle 16:00. Il sabato e la domenica il Museo ebraico è chiuso al pubblico. Per visitare il sito del Museo comunque clicca proprio qui.

LA TORRE DEGLI ASINELLI

Dall’antico ghetto ebraico noterai le due famosissime torri di Bologna, la Torre degli Asinelli e la Torre della Garisenda. Purtoppo è possibile salire solo sulla prima. La Torre degli Asinelli è stata costruita per scopi militari, ovvero per segnalare la provenienza dei pericoli in modo da prevenirli o da intervenire tempestivamente. E’ alta 98 metri e per arrivare fino alla cima dovrai salire ben 498 gradini. Una volta raggiunta la meta il panorama che ti si proporrà è meraviglioso, potrai vedere tutte le torri che compongono Bologna e soprattutto la città e i suoi contorni dall’alto. Se sei a Bologna questa sicuramente è una delle attrazioni più importanti da vedere perché non puoi di certo mancare di goderti una vista meravigliosa come quella in cima alla torre!

La salita fino alla cima della Torre degli Asinelli costa 5,00€ intero o 3,00€ ridotto. L’ingresso è possibile ogni 15 minuti con primo ingresso alle 12 e ultimo ingresso alle 16 dal lunedì al venerdì. Sabato e domenica le visite sono chiuse. Per entrare è obbligatorio prenotarsi e potrai farlo direttamente dal sito web che ti lascio cliccando qui.

La torre degli asinelli si presenta al visitatore come un enorme struttura che quasi buca il cielo e va oltre. Accanto si trova anche la seconda torre ovvero la torre garisenda che è molto più bassa.

PIAZZA SANTO STEFANO

Una volta sceso dall’altissima Torre degli Asinelli vai verso Piazza della Mercanzia e prosegui verso Piazza Santo Stefano. L’atmosfera che ti si presenterà è calma e tranquilla e soprattutto noterai subito la pavimentazione a ciottoli che caratterizzano questa bellissima piazza. In Piazza Santo Stefano anticamente dovevano esserci ben Sette Chiese ma oggi ne restano soltanto quattro: la Chiesa del Crocefisso, la Basilica dei protomartiri San Vitale e Sant’Agricola, la Basilica del Sepolcro e la Chiesa della Trinità. Piazza Santo Stefano è sicuramente uno dei luoghi simbolo di Bologna ed è spesso utilizzata per ospitare manifestazioni culturali e concerti.

BASILICA SANTUARIO DI SANTO STEFANO

A questo punto è arrivato il momento della chiesa che domina Piazza Santo Stefano, la Basilica – Santuario di Santo Stefano. La sua storia è sicuramente la più originale ed intrigante di tutta Bologna ed è per questo che la considero un attrazione assolutamente da vedere in città. E’ sorta sulla base di un antico tempio pagano e nel corso dei secoli ha avuto moltissime modifiche ed ampliamenti. La tradizione indica San Petronio come ideatore della basilica, che avrebbe dovuto imitare il Santo Sepolcro di Gerusalemme. All’interno della Basilica Santuario di Santo Stefano potrai trovare meraviglie come la scultura del 1700 che raffigura il “Compianto su Cristo morto”. Altra bellezza da vedere è il Cortile di Pilato, una delle creazioni più belle del romanico emiliano. Se vuoi potrai anche visitare il Museo di Santo Stefano all’interno del complesso. Qui sono raccolte una serie di preziosi oggetti cultuali, reliquiari, abiti talari e alcune opere d’arte che prima erano esposte nelle sette chiese.

L’ingresso alla Basilica Santuario di Santo Stefano è gratuito, gli orari sono vari e li potrai consultare direttamente alla pagina del complesso cliccando qui.

La bellissima piazza di santo stefano a bologna è una delle mete da vedere in città in un giorno. Sullo sfondo si vede la facciata della basilica di santo stefano con accanto quattro altissimi alberi.

ARCHIGINNASIO DI BOLOGNA

Una volta terminata la visita alla Basilica Santuario di Santo Stefano, dirigiti verso il Palazzo dell’Archiginnasio, altra attrazione da vedere e visitare a Bologna con attenzione. Fu la sede originaria dell’Università più antica d’Occidente e al suo interno è presente uno degli edifici più belli di Bologna, la Biblioteca Comunale dell’Archiginnasio. Merita anche una visita al bellissimo Teatro Anatomico del ‘600, l’antica aula dove si tenevano le lezioni di anatomia.

La visita è a pagamento e costa 3,00€. Per quanto riguarda l’orario, potrai entrare dalle 14:00 alle 18:00 dal lunedì al venerdì. Il sabato e la domenica l’archiginnasio di Bologna è chiuso.

Il cortile interno dell'archiginnasio di bologna con i vari finestroni in vetro al secondo piano e le varie logge arcate al pian terreno. Nel mezzo spicca verso il cielo la piccola torre con orologio.

PIAZZA MAGGIORE

A questo punto è arrivato il momento di andare verso la piazza principale di Bologna, Piazza Maggiore. Ti consiglio assolutamente di percorrere via dell’Archiginnasio con i suoi bellissimi portici per arrivare a Piazza Maggiore. Questa piazza è uno dei simboli della città, un concentrato di arte e di architettura medievale che sicuramente ti lascerà sbigottito dalla bellezza. Piazza Maggiore è composta dal Palazzo Comunale, dal Palazzo del Podestà, dalla Basilica di San Petronio e dal Palazzo dei Banchi. La parte centrale della piazza è caratterizzata da una piattaforma pedonale costruita nel 1934 e soprannominata “crescentone”. Si tratta di un rettangolo rialzato di 15 cm costruito in granito bianco e rosa. Devo dire che questa aggiunta ci sta proprio bene nella piazza e non stona con gli edifici storici che la circondano. Il nome probabilmente deriva dalla crescente, tipica focaccia bolognese.

BASILICA DI SAN PETRONIO

L’edificio che domina Piazza Maggiore e quello che attira più l’occhio è sicuramente la Basilica di San Petronio, attrazione più importante da vedere a Bologna. E’ la chiesa gotica in mattoni più grande al mondo nonché la sesta basilica più grande d’Europa. Qui nel 1530 Carlo V fu incoronato Imperatore del Sacro Romano Impero da Papa Clemente VII. L’interno ospita la meridiana più lunga del mondo e anche l’organo funzionante più antico d’Italia. Inoltre ci sono ben 22 cappelle che si aprono nelle navate laterali e conservano bellissime opere. La cappella più bella di tutte e che realmente ti lascerà senza parola è la Cappella dei Magi. La cosa però più interessante non sono gli interni ma è la facciata incompiuta. Nel ‘500 infatti furono studiate numerose varianti per completare il progetto della facciata, interpellando importanti architetti del tempo come il Palladio. Tuttavia nessuno di questi progetti fu finalizzato per la mancanza di finanziamenti e le diatribe su come completarla (dovute alla discordanza stilistica). Oltre alla solita visita turistica potrai anche salire in cima alla terrazza panoramica da dove potrai avere una visuale su tutta Bologna.

L’ingresso alla Basilica di San Petronio è gratuito mentre per visitare la Cappella dei Magi il biglietto intero costa 5,00€ mentre il ridotto 3,00€. La salita alla terrazza è a pagamento è costa anche questa 5,00€. Per quanto riguarda gli orari di visita e gli orari delle sante messe ti invito a visitare il sito ufficiale cliccando qui.

La basilica di san petronio con la sua imponente facciata non completa. In basso infatti si presenta in marmo mentre in alto fino alla cima è solo fatta in mattoni semplici.

FONTANA DEL NETTUNO

Esci dalla Basilica di San Petronio e dirigiti verso la piazza adiacente, ovvero Piazza Nettuno. Qui si trova la celebre Fontana del Nettuno, altro simbolo della città. La statua è stata realizzata dal Giambologna ed è una vera meraviglia. Si dice che l’artista volesse dotare il Nettuno di dimensioni intime pari alla sua magnificenza divina. La chiesa non glielo permise ma la mente geniale dell’artista ideò uno stratagemma innovativo. Giambologna praticamente disegnò la statua di Nettuno in modo tale che il pollice della sua mano sinistra, se inquadrato da una prospettiva particolare, alluda ad un fallo eretto proprio in coincidenza con la zona intima. Apparte questa chicca ti invito anche a focalizzarti sulle bellissime figure sotto i suoi piedi.

PALAZZO DEL PODESTA'

Proprio vicino alla fontana del Nettuno vedrai due edifici particolari, il Palazzo del Podestà e il Palazzo Re Enzo. Il Palazzo del Podestà fu la prima sede del governo cittadino esercitato dal podestà, dai suoi giudici e ufficiali. Fu costruito ad inizio 1200 e di questa antica costruzione rimane soltanto una parte della facciata che prospetta sul retro e la maestosa Torre dell’Arengo. La sala principale dell’edificio, e la più bella, è la grande sala del piano superiore. Come in tutti i palazzi del podestà, questa sala fu creata per ospitare il Consilio e gli uffici comunali. Successivamente svolse diversi ruoli: da teatro nel Seicento, a palestra per i pompieri nell’Ottocento fino a tornare un salone di consilio nel Novecento.

Dentro al Palazzo del Podestà si può entrare solo nel caso in cui ci sono mostre o eventi speciali. In ogni caso rimane un edificio e un attrazione assolutamente da vedere (anche se da fuori) a Bologna perché è strettamente legato alla sua storia.

Il palazzo podestà di bologna con la sua larga struttura a forma rettangolare e a due piani. Al pino terreno diversi ingressi sono sormontati da colonne a tutto sesto. Al secondo piano ci sono diverse finestrone.

PALAZZO RE ENZO

Accanto al Palazzo del Podestà troverai il Palazzo Re Enzo. Venne costruito nel 1244-1246 come ampliamento degli edifici comunali e il suo nome si deve al fatto che divenne residenza del re Enzo di Sardegna. L’edificio è composto da due piani, al pian terreno venivano custodite le macchine da guerra e il carroccio, al primo piano vi erano gli edifici comunali e la cappella mentre al secondo piano si pensa ci fosse stato l’archivio comunale. Il palazzo fu esposto a restauri nel 1905 che ripristinarono il suo aspetto gotico. Oggi viene usato come sede di congressi, iniziative culturali, meeting aziendali, mostre ed esposizioni.

Il palazzo re enzo di bologna è una delle attrazioni da vedere se ti ritrovi in città. La sua struttura a forma di fortezza ti rapirà e soprattutto amerai vedere l'alta torre centrale merlata.

BASILICA DI SAN FRANCESCO

A questo punto devi allontanarti dalla zona di Piazza Maggiore e dirigerti all’ultima attrazione da vedere a Bologna, la Basilica di San Francesco. In tanti tendono ad evitarla perché appunto le chiese più importanti di Bologna sono la Basilica di San Petronio e la Basilica Santuario di Santo Stefano. Secondo me invece merita assolutamente una visita. La Basilica di San Francesco è il primo esempio in assoluto in Italia di stile gotico di deviazione francese. E’ stata innalzata nel 1218 da Bernardo Quintavalle, uno dei primi discepoli di San Francesco. Le cose che noterai subito non appena vedi la Basilica sono la sua altissima facciata in stile romano-gotico e la parte absidale con i due bellissimi campanili. All’interno potrai ammirare la pala marmorea dell’altare maggiore, i vari monumenti sepolcrali e la vastissima Biblioteca di San Francesco con oltre 39.000 volumi ed opuscoli.

L’ingresso alla Basilica è gratuito tutti i giorni dalle 06:45 alle 12:00 e dalle 15:30 alle 19:00. Per accedere invece alla Biblioteca bisogna prendere un appuntamento privato. Se vuoi partecipare ad una santa messa, queste vengono celebrate tutti i giorni alle 07:30, alle 09:00, alle 11:00, alle 12:00 ed alle 18:00.

L'imponente e altissima facciata della basilica di san francesco a bologna, tutta costruita in mattoni. In cima un rosone e sopra una croce. Sulla destra si intravede l'alto campanile della chiesa.

COME ARRIVARE E DOVE PARCHEGGIARE A BOLOGNA

Come detto nell’introduzione, arrivare a Bologna in automobile è molto semplice perché la città è collegata con tutte le altre maggiori città d’Italia. Le Autostrade A1, A13 E A14 collegano direttamente la città con importanti località quali Milano, Firenze, Roma, Venezia, Padova, Rimini e Ravenna e laS64 collega Bologna direttamente con Ferrara. I parcheggi dove lasciare la tua automobile sono tantissimi e di seguito te ne elenco qualcuno molto valido vicino al centro storico.

1) Parcheggio Via della Beverara 157: Parcheggio all’aperto per camper. E’ dotato di tutti i servizi per la sosta ed è aperto tutti i giorni dalle 08:30 alle 22:30. E’ gradita la prenotazione della piazzola. Per informazioni e prezzi ti invito a visitare il loro sito ufficiale cliccando qui.
2) Parcheggio Piazza VIII Agosto: Parcheggio coperto, multipiano. Aperto tutti i giorni 24 ore su 24. Con 625 posti auto e presidiato. Il prezzo è di 2,70€ ogni ora dalla prima alla terza ora, 2,05€ ogni ora dalla quarta alla sesta ora e 1,35€ ogni ora dalla settima ora. Il prezzo della tariffa giornaliera è di 20,70€.
3) Parcheggio Riva Reno: Parcheggio coperto, aperto 24 ore 7 giorni su 7, con 546 posti auto e presidiato. Il prezzo è di 2,45€ ogni ora dalla prima alla terza ora, 1,85€ ogni ora dalla quarta alla sesta ora e 1,20€ ogni ora dalla settima all’ottava ora. Se invece preferisci la tariffa giornaliera, questa costa 17,00€.
4) Parcheggio Stazione Bologna: Parcheggio coperto, aperto 24 ore, con 800 posti auto. Il prezzo è di 2,00€ ogni ora per la prima e la seconda ora e poi di 1.70€ ogni ora dopo la seconda ora. Se invece preferisci la tariffa giornaliera, questa costa 13,00€.

CONDIVIDI IL MIO ARTICOLO SU:

Condividi su facebook
Facebook
Gabriele Orbetti
italiaignota@gmail.com
2 Comments
  • Lety
    Posted at 10:02h, 12 Marzo Rispondi

    E’ stato un piacere fare questa collaborazione insieme a te. Spero che attraverso questo post sulla mia città molti dei tuoi lettori decidano di venire a fare una visita. Bologna è bellissima e offre una vasta scelta di monumenti e posti da visitare.

    • Gabriele Orbetti
      Posted at 13:54h, 30 Maggio Rispondi

      E’ stato un piacere anche per me collaborare con te Lety e si spero anche io che questo articolo sia utile a tante persone! Bologna è un vero gioiello e merita di essere visitata per bene 🙂

Post A Comment