Museo Teatrale alla Scala

Museo Teatrale alla Scala

Il Teatro alla Scala è un vero e proprio gioiello nonché il simbolo di Milano. In pochi però sanno che al suo interno è possibile visitare il Museo teatrale alla scala.

Informazioni sul Museo

La collezione ospita numerosi dipinti legati al mondo dell’Opera lirica e del Teatro in generale, bozzetti scenografici, lettere, ritratti, autografi, strumenti musicali antichi e abiti di scena utilizzati nelle tante rappresentazioni avute atto nel corso degli anni. Oltre a questo, al museo teatrale alla Scala c’è anche la possibilità di vedere il teatro dall’interno tutta illuminata e nel suo splendore. Il costo del biglietto va dai 6.00 ai 9.00€ a persona, quindi se  ti trovi a Milano ti consiglio vivamente di non perderti questa visita!

NON HAI LETTO ANCORA L’ARTICOLO-GUIDA SU COSA VEDERE A MILANO IN UN GIORNO ??

La storia in breve del Teatro alla Scala

Il Teatro alla Scala, citato solitamente in maniera informale come La Scala, è da sempre considerato tra i teatri più prestigiosi del mondo e tra i più importanti in Italia. Nel corso degli anni ha ospitato i più grandi, famosi e principali artisti nel campo dell’opera e in generale della musica classica.

Fino al 26 febbraio del 1776, il teatro dei milanesi era il Regio Ducale e si trovava più o meno dove oggi si trova il Palazzo Reale. La storia del teatro cambia nel 1776 quando l’imperatrice Maria Teresa d’Austria decise di edificarne uno nuovo. Questo perché il vecchio teatro  andò distrutto da un grande incendio il 23 febbraio 1776. Il progetto venne affidato all’architetto Giuseppe Piermarini e prevedeva la creazione del più grande teatro esistente, più grande della stessa Opera di Vienna. Venne innaugurato nel 1778 con un’opera di Antonio Salieri, L’Europa Riconosciuta. Nel corso degli anni sono state effettuate numerose modifiche ed aggiunte per migliorare ancor di più ogni singolo pezzetto (scenico e non) di questo maestoso edificio.

CONDIVIDI IL MIO ARTICOLO SU:

Condividi su facebook
Facebook
Gabriele Orbetti
italiaignota@gmail.com
No Comments

Post A Comment