Colle Val d’Elsa, il borgo legato alla lavorazione del cristallo

Il bellissimo paese di colle val d'elsa incastonato nella roccia e nel mezzo del verde della val d'elsa.

Colle Val d’Elsa, il borgo legato alla lavorazione del cristallo

Se pensi di conoscere molto bene la Toscana oggi ti faccio sicuramente ricredere. Perché ti dico questo? Semplicemente perché Colle Val d’Elsa è un borgo talmente ignoto che pochi lo conoscono e l’hanno visitato. Una motivazione per cui accade questo è che la maggior parte delle persone si fermano solo al bellissimo Parco Fluviale dell’Alta Val d’Elsa, di cui se vuoi sapere qualcosa ti invito a leggere la mia guida QUI. Colle Val d’Elsa in ogni caso è divisa in due zone: Colle Bassa (dove si trova il Museo del Cristallo) e Colle Alta (la città storica). Quindi senza indugi andiamo prima a scoprire un pò la storia del borgo e poi a scoprire cosa vedere a Colle Val d’Elsa. In fondo all’articolo poi ti lascio una curiosità che in pochi sanno e legata ad una novella italiana molto famosa!

NON HAI LETTO ANCORA L’ARTICOLO SU ANGHIARI, IL PAESE DELLA BATTAGLIA ??

una vista quasi completa su colle val d'elsa da un angolo verde della città. Le abitazioni tipiche medievali sicuramente sono una cosa da vedere si vi trovate a colle val d'elsa.
Una vista quasi completa su Colle da un angolo verde

La storia di Colle Val d'Elsa

La storia di Colle Val d’Elsa nasce e si sviluppa quasi contemporaneamente alle altre località della zona come Poggibonsi, San Gimignano e Casole d’Elsa. In comune hanno il fatto che sono state oggetto di desiderio della grandi Signorie toscane dell’epoca. La posizione strategica di Colle Val d’Elsa infatti l’ha messa spesso in prima linea nelle battaglie tra Firenze e i suoi nemici. Tra i più famosi eventi va ricordata la battaglia del 1269 contro Siena che ebbe ripercussioni notevoli sull’assetto polito della Toscana. Nel corso del cinquecento Colle Val d’Elsa rimase sotto il controllo di Firenze ma ebbe notevole importanza. Il potere derivava dal fatto che gli abitanti illustri del borgo curavano direttamente l’amministrazione della famiglia de Medici. Nel 1592 Colle divenne sede di una nuova diocesi e di conseguenza ottenne la dignità di città. Da questo momento in poi il borgo conobbe un lungo periodo di pace e prosperità. Alle porte dell’età contemporanea a Colle Val d’Elsa si fecero strada le nuove industrie del ferro e del vetro e successivamente anche quella del cristallo. Per quanto riguarda quest’ultima industria Colle è diventata la principale esportatrice in Italia e al mondo. Pensa che nel borgo viene prodotto il 95% di tutto il cristallo nel nostro Paese e il 15% di tutto il mondo.

La descrizione del borgo

Colle Val d’Elsa si estende in una zona di media collina nell’Alta Val d’Elsa. Si trova nel mezzo tra Firenze e Siena ed è diviso in due parti: Colle Alta e Colle Bassa. La parte storica del borgo la noterai fin da lontano con la sua fortificazione e l’imponente antico castello. Quando sono entrato a passeggiare nelle stradine della città vecchia posso garantirti che sono rimasto impressionato e stupito per come questo borgo è bello e intatto. Colle Val d’Elsa inoltre gode di una vista magnifica, di un’atmosfera medievale e di tanta bella arte. Tutte caratteristiche per essere meta di grande interesse turistico. Focalizziamoci adesso su cosa vedere e fare a Colle Val d’Elsa, descrivendo le principali attrazioni.

un bellissimo scorcio su alcune abitazioni particolari di colle val d'elsa. Queste presentano un grande giardino con alcuni verdi alberi e un altissimo cipresso.
Uno scorcio su alcune abitazioni tipiche del paese

Cosa vedere a Colle Val d'Elsa

Palazzo Pretorio (museo archeologico) e il Museo civico e diocesano

All’interno di Colle Alta il Museo Archeologico e il Museo Civico e Diocesano sono le principali attrazioni. Il primo è ospitato all’interno del bellissimo Palazzo Pretorio del XIV secolo. E’ dedicato allo storico Bianchi Bandinelli e al suo interno sono esposti reperti etruschi e altri materiali di diverse epoche. Invece il Museo Civico e Diocesano si trova all’interno del Complesso di San Pietro. Qui troverai esposte diverse opere provenienti dal territorio diocesano e dipinti toscani del XIX e del XX secolo.

Duomo di Colle Val d'Elsa

E’ il più importante edificio religioso della città ed è dedicato ai Santi Alberto e Marziale. Si trova sopra una precedente chiesa romanica, i cui resti sono ancora visibili dalla facciata sul lato ovest. L’interno è diviso in tre navate e conserva numerose opere d’arte tra cui menziono il crocifisso del Giambologna ed una bellissima Natività. Inoltre è immancabile la visita alla bellissima cripta del Duomo, conosciuta anche come Cripta della Misericordia. Rimarrai letteralmente meravigliato dalla sua bellezza perché è completamente affrescata con decorazioni rappresentanti la morte, l’inferno, il purgatorio e il paradiso. Oltre a tutto questo ci sono anche iscrizioni religiose della Bibbia sulle pareti e una bellissima tela sull’altare maggiore.

la meravigliosa cripta della misericordia con il soffitto dipinto tutto in blu e i muri laterali affrescati da disegni variegati. Al centro l'altare con un dipinto della madonna.
La bellissima cripta della Misericordia dentro il Duomo di Colle

Porta Nuova e il Baluardo

La Porta Nova è uno splendido esempio di porta d’accesso medievale al borgo. Fa parte dell’imponente sistema di fortificazioni che servivano per la difesa di Colle Val d’Elsa. Se la guardi bene sembra l’ingresso di una fortezza con i due grandi torrioni laterali e il fossato. Il Baluardo si trova al lato opposto della Porta Nova ed è un bastione difensivo. La cosa bella però è che si affaccia su tutta Colle Bassa e da qui potrai avere una vista anche sulla valle e sul meraviglioso Chianti.

la porta nuova è sicuramente una cosa da vedere a colle val d'elsa. Con la sua enorme struttura e i torrioni laterali circolari, rappresenta un ingresso monumentale alla città.
L'imponente Porta Nuova nonché ingresso in centro città

Museo del Cristallo

Come scritto nell’introduzione e nel titolo a Colle Val d’Elsa viene tramandata da anni la lavorazione del cristallo. Per questo motivo è stato aperto un bellissimo museo che ti possa far ripercorrere la storia e soprattutto ogni processo della lavorazione di questo particolare tipo di vetro. Il Museo si trova in uno spazio sotterraneo che anticamente era parte della fabbrica di Cristallerie e Vetrerie Schmidt. A conclusione della visita troverai una bellissima sala chiamata “la foresta di cristallo” che ti farà davvero emozionare. Al momento il museo è in ristrutturazione per cui per maggiori informazioni e costi, ti lascio QUI il link per visitare la pagina ufficiale del museo.

Un enorme stanza del museo del cristallo dove sono contenuti contenitori pieni di pezzi di cristallo lavorati. Sul soffitto sono appesi a capo in giù tantissimi bicchieri di cristallo.
Una sala del museo del cristallo di Colle Val d'Elsa

Una curiosità su Colle Val 'Elsa

Pinocchio è sicuramente fra i personaggi di finzione più amati e conosciuti in tutto il mondo. In Toscana ci sono tanti luoghi collegati alla novella e al suo autore. Uno di questi è la Villa Garzoni, di cui ho parlato in questo articolo che puoi leggere QUI. Comunque non tutti però sanno che è strettamente collegato a Colle Val d’Elsa. Lo scrittore Carlo Collodi infatti visse per un periodo della sua vita nel borgo e qui ha avuto l’ispirazione per scrivere la famosa novella. A Colle Alta esiste infatti un antica fonte medievale chiamata Fonte di Pinocchio. Dopo questa chicca adesso sai anche da dove è nato il nome Pinocchio!

CONDIVIDI IL MIO ARTICOLO SU:

Condividi su facebook
Facebook
Gabriele Orbetti
italiaignota@gmail.com
No Comments

Post A Comment