Montecarlo di Lucca, il borgo medievale del vino

Montecarlo di Lucca, il borgo medievale del vino

Nella provincia di Lucca ci sono tantissimi borghi che raccontano la storia di questa frazione della Toscana. Uno che mi ha rapito in particolare è Montecarlo di Lucca. Il paese ha il nome omonimo a quello del Principato di Monaco ed è veramente piccolo. Nella sua piccolezza nasconde però tante bellezze e soprattutto qui si produce un buonissimo vino rosso, il Montecarlo DOC. Andiamo a vedere adesso insieme la sua storia.

NON HAI LETTO ANCORA L’ARTICOLO SU SERRAVALLE PISTOIESE ??

Montecarlo di Lucca, un pò di storia

Il nucleo originario di Montecarlo era il borgo di Vivinaia che sorgeva alle pendici del colle. Nel 1331 il paese fu letteralmente distrutto dall’esercito fiorentino e per questo gli abitanti si rifugiarono presso la vicina rocca del Cerruglio. Qui con l’appoggio del Principe Carlo di Boemia, il governo lucchese cominciò a costruire il nuovo borgo. Vennero erette altre mura e una fortificazione a base triangolare chiusa da due torri. In onore del Principe il nuovo borgo venne chiamato Mons Caroli, il monte di Carlo. Successivamente Montecarlo divenne il capoluogo della vicaria e importante punto strategico per il dominio della zona. Nel 1437 il castello e il borgo passarono in mano ai fiorentini che intrapresero grandi lavori di fortificazione. Da questo momento Montecarlo divenne un avamposto militare che però dopo alcuni anni fu abbandonato al degrado.

Parliamo del borgo

Montecarlo di Lucca si trova su un colle a 162 metri di altitudine sulla Piana di Lucca. Il suo territorio è rinomato per la bellezza dei suoi paesaggi, costituiti da vigneti. Il borgo di per sé è molto piccolo ma posso garantirti che è meraviglioso. La sua è una forma di un tipico borgo medievale costituito da tante stradine e vicoli. Il fulcro è chiaramente la sua fortezza, la Rocca del Cerruglio. Come detto nell’introduzione, Montecarlo è famosa per il suo vino che potrai assaggiare ed acquistare nelle cantine. Gli abitanti del borgo sono così fieri del loro prodotto che vengono fatte numerose fiere deurante l’anno.

Cosa vedere a Montecarlo di Lucca

Fortezza del Cerruglio

Si trova nel punto più alto della collina ed è costituita da imponenti mura e tre torri. Il torrione semicircolare risale alla fine del tredicesimo secolo e ti colpirà fin da subito per la sua struttura compatta di pietre. Le altre due torri sono state costruite successivamente ed unite al torrione. Se vuoi ammirarne l’imponenza ti consiglio di andare alla Porte fiorentina oppure in Piazza Giuseppe Garibaldi. Purtroppo la Fortezza del Cerruglio oggi è di proprietà privata ma non disperare perché nonostante questo è aperta al pubblico! Potrai visitarla solo da maggio ad ottobre il sabato e la domenica dalle 15:00 alle 19:00. Per gli altri giorni o mesi dovrai prendere un appuntamento.

La Collegiata di San Andrea

Mentre camminerai all’interno del piccolo centro storico noterai subito questa chiesa dal campanile particolare. Si tratta della Collegiata di San Andrea ed è l’edificio più alto di Montecarlo di Lucca. Pensa che per questa caratteristica è vietato salire sulla cima della torre perché altrimenti vedresti l’interno della Fortezza del Cerruglio. La Collegiata di S. Andrea risale al XIV secolo ma purtroppo dell’originale struttura rimane solo la cripta. L’interno è qualcosa di meraviglioso perché sono conservate opere di notevole valore come la Tavola della Madonna col Bambino e la Statua di Sant’Antonio Abate. Da entrare assolutamente nella cripta!

CONDIVIDI IL MIO ARTICOLO SU:

Condividi su facebook
Facebook
Gabriele Orbetti
italiaignota@gmail.com
No Comments

Post A Comment